Android lento: le cause più comuni e come velocizzarlo manualmente o con un’app





Gli smartphone e i tablet sono simili a dei computer. E’ quindi inevitabile, col passare del tempo, a causa di installazioni e rimozioni di app e file, che il sistema ne risenta diventando più lento. In questo articolo affrontiamo le cause più comuni che rendono Android lento e soprattutto alcuni consigli su come velocizzarlo.

nova-launcher-min

Tutte queste operazioni di ottmizzazione del dispositivo possono essere effettuate manualmente oppure in maniera quasi automatica scaricando CCleaner, considerato uno delle migliori ottimizzatori Android.

Manualmente, per rendere il robottino verde di Google più veloce, ti consiglio di controllare le app installate. Questo è un aspetto fondamentale per la gestione della memoria.

Le app consumano sia memoria interna ma soprattutto preziosa memoria Ram. La memoria volatile che è da supporto al processore spesso viene limitata da app che la consumano, senza che te ne accorgi, poiché continuano a rosicchiare preziosi megabyte in background.

Considera effettivamente se un’app ti serve realmente, in caso contrario rimuovila oppure verifica sempre di averla chiusa. Tali operazioni vanno eseguite dal menù Impostazioni alla voce App, basterà fare un tocco su ogni singola applicazione e decidere se disinstallare o eventualmente limitarti a terminarla. Inoltre, puoi anche cancellarne i dati e la cache. Per conoscere in un tocco tutte le app che stanno consumando Ram ti basterà spostarti nella scheda in uso.

Il launcher, ovvero quell’app che si occupa di gestire l’interfaccia del sistema è un altro punto da tenere in considerazione. Sembra incredibile ma è proprio così, la maggior parte dei launcher di default possono rendere lo smartphone più lento. Su Play Store puoi trovare diverse alternative gratuite di launcher molto più leggeri.

Il più famoso e leggero launcher è Nova. Una volta scaricato, dalla schermata iniziale puoi impostarlo facilmente.

Infine ricordati anche di rimuovere o comunque ridurre notevolmente il numero di widget attivi tra le varie schermate di Android.

Tutte le operazioni indicate in questo articolo possono essere compiute dall’utente comune e non invalidano la garanzia.

Potrebbe interessarti anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>